Evento sostenibilità nautica italiana bologna

Sostenibilità: NAUTICA ITALIANA chiama a raccolta le aziende associate

Si è tenuto mercoledì 8 novembre, nella prestigiosa sede della Bologna Business School, “Call to sustainability” l’incontro organizzato da NAUTICA ITALIANA con l’obiettivo di promuovere l’importanza della sostenibilità per l’industria nautica sul piano socio-culturale, etico e dell’innovazione di processo e prodotto.

“L’attenzione e l’impegno sul tema della sostenibilità sta diventando sempre più importante per il nostro settore. Per questo motivo NAUTICA ITALIANA ha chiamato a raccolta le aziende associate affinché si impegnino a sviluppare, attraverso nuovi processi, ricerca e innovazione, la sostenibilità del prodotto” – ha commentato LambertoTacoli, presidente di NAUTICA ITALIANA – Ma vorremmo anche lanciare un messaggio alle Istituzioni perché sostengano l’eccellenza rappresentata dal comparto nautico come un asset del nostro Paese. La sfida finale è far si che si arrivi ad affiancare ai valori dell’industria nautica italiana – stile, bellezza, design, innovazione e competenza tecnica – anche la sostenibilità”.

NAUTICA ITALIANA – Associazione affiliata a Fondazione Altagamma che rappresenta l’eccellenza del Made in Italy nautico nei settori Industria, Servizi a Territori – nell’ambito della sua strategia pone la sostenibilità tra gli impegni primari dei prossimi anni, con l’obiettivo di fare si che la nautica d’eccellenza possa essere portatrice di un nuovo modo di fare industria. A tale scopo ne promuove lo sviluppo sia sul piano culturale e sociale di crescita della sensibilità, che supportando azioni e soluzioni concrete da parte delle aziende.

Tra gli obiettivi vi sono la valorizzazione dell’intera catena produttiva nella realizzazione dell’imbarcazione, attraverso la qualifica e la certificazione del prodotto e delle sue componenti essenziali e l’impronta di sostenibilità quale elemento qualificate nella scelta di materiali, componenti, processi.

Un numero consistente di associati di NAUTICA ITALIANA, che vanno a comporre la filiera della produzione cantieristica e dei servizi, sta già mettendo in atto azioni e tecnologie sostenibili, realizzando prodotti, soluzioni, iniziative e progetti di ricerca che rendono attuabile la sinergia tra business e sostenibilità.

Hanno portato il proprio contributo al dibattito Michela Milano Docente dell’Università di Bologna e Teo Hoonig, Segretario Generale di SYbass, interventi che hanno preceduto l’illustrazione di  “best practices” da parte dei soci VSY, GS4C, Ecospray Technologies, Castalia e Marina Cala de’ Medici.

Attraverso la sostenibilità computazionale, il cantiere navale VSY, in collaborazione con l’Università di Bologna e l’istituto di ricerca Eulabor Institute, ha realizzato un modello che consente di migliorare in modo sostanziale l’impronta ecologica delle aziende e di reinvestirne le risorse nei programmi scientificamente rilevanti di responsabilità ambientale a tutela del mare e della risorsa acqua, con una specifica attenzione per i programmi di conservazione. Ottimizzazione dei processi e restituzione di risorse all’ambiente sono le chiavi di lettura di questo modello capace di allineare tutti i parametri – ambientale, sociale ed economico – a favore di un reale sviluppo sostenibile per il territorio.

Consapevolezza e concretezza sono i pilastri su cui si basa il messaggio di GS4C, azienda che vanta forte expertise in soluzioni sostenibili e impegno a livello internazionale in tema di sostenibilità. La consapevolezza all’interno dell’azienda e di tutta la filiera, che deve reagire in modo sempre più veloce e trasparente, anche agli obiettivi di sviluppo sostenibile dell’ONU. Il tema della sostenibilità deve quindi entrare sempre di più concretamente all’interno dell’azienda, a partire dal “Board”, che deve dotarsi di elementi competenti e indicatori che siano effettivamente significativi. La rendicontazione e il monitoraggio delle prestazioni, ambientali e sociali, devono costituire uno stimolo per una gestione aziendale sempre più efficiente.

Ecospray – azienda specializzata nella ricerca, progettazione e sviluppo di tecnologie innovative per il trattamento e/o raffreddamento di aria e gas nelle applicazioni industriali, detenendo 5 brevetti internazionali per i sistemi navali – propone una navigazione sostenibile, che minimizza l’impatto ambientale dei superyacht abbattendo l’inquinamento atmosferico nelle zone portuali e costiere e proteggendo di conseguenza l’ambiente marino, con miglioramento della qualità della vita e un impatto positivo sul territorio.

La ricerca e la sperimentazione di nuove soluzioni e tecnologie innovative per la salvaguardia dell’ambiente marino, delle risorse del mare e delle acque interne, insieme allo sviluppo del turismo nautico, sono alla base dell’impegno di Castalia Consorzio Stabile S.C.p.A., che opera in attività marittime, di antinquinamento marino e pronto intervento a mare e nelle acque interne, collaborando incisivamente con Associazioni Ambientaliste per promuovere e diffondere la cultura della salvaguardia dell’ambiente marino.

Marina Cala de’ Medici conferma il suo impegno concreto in tema di sostenibilità attraverso i lavori di miglioria alla banchina della diga foranea di sopraflutto. Il restauro comprende il rifacimento della pavimentazione della banchina portuale con tappetini in PFU, prodotto ecologico ricavato dalla gomma riciclata; lo sviluppo di scossaline in acciaio zincato di spessore 23/10 per il rivestimento dei cordoli e dei muretti in cemento armato; sedute in legno misto PVC, prodotte con bassi livelli di energie, composte da semplici materie naturali e riciclabili al 100%.

Dalla giornata di confronto cui hanno partecipato soci, stakeholder e studenti della Bologna Business School è emerso quanto sia fondamentale iniziare ad approcciare questa importante tematica con l’aiuto di organismi nazionali ed internazionali accreditati (Università, Centri di Ricerca, Associazioni) attraverso piccoli passi tangibili ed efficaci. NAUTICA ITALIANA si impegna quindi a creare nei prossimi mesi delle linee guida che possano aiutare i soci ad integrare la sostenibilità nel loro “core business”; supportare la formazione di consorzi di aziende per accedere a fondi EU o Governativi, e dialogare con Governo, Regioni, Banche per la creazione di incentivi economici, sgravi e agevolazioni fiscali per le aziende del comparto che vogliano investire in sostenibilità.

Per informazioni:
Ufficio Stampa – Studio di Comunicazione Gardella
Cell: + 39 3358308666 _ T: + 39 0105761700
e-mail: fede.gardella@studiocomunicazionegardella.it

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *